Perché praticare il pilates durante la gravidanza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il pilates è una disciplina che, lavorando sulla connessione mente-corpo, riunisce insieme alcune tecniche di rilassamento dello yoga o della meditazione orientale con l’energia dell’esercizio fisico, concentrandosi – efficacemente ma senza stress –sulla parte muscolare.

Questa disciplina, ormai molto diffusa anche nel nostro Paese, è nota per i suoi effetti benefici per persone di tutte le età. Per questo molti medici consigliano alle future mamme di seguire un corso preparto di pilates in gravidanza. Praticare questa disciplina può essere utile per le donne incinte per imparare a tenere sotto controllo la respirazione, a contrastare eventuali mal di schiena,grazie a una corretta postura, e a conoscere la propria muscolatura profonda, allenandola in modo adeguato allo stato delicato delle partecipanti. 

Il metodo pilates, elaborato dal tedesco Joseph Pilates all’inizio del Novecento, ha come obiettivo quello di allenare l’intera muscolatura, insistendo in particolare su due zone del corpo: il tronco e il dorso. Come sostenuto dal suo stesso inventore, il metodo sifonda sul concetto di "Contrology", che riguarda appunto l’idea di far acquisire a chi pratica il pilates controllo sulla postura,sulla respirazione e sulla muscolatura. Nello specifico, le future mamme che praticano pilates all’interno di un corso preparto svolgono numerosi esercizi per imparare ad assumere una postura corretta. Spesso, infatti, le future mamme tendono a sbilanciare il loro baricentrosotto il crescente peso del pancia e, pensando di agevolare i propri movimenti, provocano in realtà l’insorgere di fastidiose lombalgie e sciatalgie.  Attraverso gli esercizi proposti dal metodo pilates, le future mamme possono lenire i dolori alla colonna vertebrale e ai muscoli (in particolare della zona del tronco), imparando – mediante un lavoro unito sulla mente e sul corpo – la postura più corretta.

Il metodo pilatespropone esercizi a corpo libero oppure da praticare conuna fitball, ovvero un pallonegonfiabile di grosse dimensioni(il suo diametro varia tra i 45 ei 75 centimetri)in pvc, oppure ancora mediante l’utilizzo dispecifici macchinari. Tutti gli esercizi si fondano però sugli stessi concetti di base: ci si concentra sul baricentro e sui muscoli delle zone addominali e dorsali (considerati il punto del corpo in cui hanno sede il controllo e la forza), si insegna il controllo della respirazione (che sarà fondamentale durante il parto), si presta attenzione al legame tra mente e corpo, attraverso momenti di concentrazione, che aiutano chi pratica il pilates a controllare i muscoli e la postura.Il pilates non rappresenta un'attività aerobica: gli esercizi proposti non sono rapidi e non puntano a tonificarele masse muscolari superficiali a scopo di dimagrimento. Questa disciplina propone piuttosto movimenti volti ad allenare la muscolatura più profonda, che donano alle donne incinteun più consapevole controllo sul proprio corpo.

 

Cerca il corso preparto di pilatespiù vicino a te su Ok Corso Preparto, il primo motore di ricerca in Italia dedicato ai corsi preparto e postparto.

A cura di: Ufficio Stampa Ok Corso Preparto

Letto 1043 volte Ultima modifica il Lunedì, 09 Novembre 2015 11:22
Lunedì, 09 Novembre 2015 11:16 Scritto da  In Consulenza Tags
Devi effettuare il login per inviare commenti